Condivido una tabella con il carattere dell’euro per font classici comuni e alcuni web fonts. Con questo pdf ogni designer può scegliere agevolmente quale stile dare al simbolo dell’euro, in linea con il proprio progetto.

Per scaricare la tabella in pdf clicca qui sotto:

[button link=”https://www.dangeloweb.it/wp-content/uploads/2015/05/tabella_euro_dangeloweb.pdf” color=”red”]DOWNLOAD PDF[/button]

Tabella simbolo euro per vari font - dangeloweb

[button link=”https://www.dangeloweb.it/wp-content/uploads/2015/05/tabella_euro_dangeloweb.pdf” color=”red”]DOWNLOAD PDF[/button]


Chi ha disegnato il simbolo dell’Euro?

Arthur Eisenmenger

L’autore del simbolo dell’euro sarebbe Arthur Eisenmenger (1914-2002), designer tedesco, che fu capo del reparto grafico della Comunità Europea (CEE) negli anni 70. Tuttavia la Commissione europea replica che il segno dell’euro è stato sviluppato da un gruppo di lavoro di quattro persone, senza specificarne i nomi.

Nel 1975, poco prima di andare in pensione, Arthur Eisenmenger ricevette il compito di disegnare un simbolo per identificare l’Europa stessa. Inviò così la sua proposta alla commissione europea di Bruxelles, dove rimase per vent’anni, fino a quando nel 1997 Jacques Santer, allora Presidente della Commissione europea, lo presentò alla stampa di tutto il mondo per la prima volta.

Nell’aprile del 1997 la Commissione europea ha diramato un comunicato stampa nel quale diceva che “‘Il segno dell’Euro … è una combinazione di epsilon greca che simboleggia la culla della civiltà europea, la lettera E per l’Europa e il parallelo (doppio trattino) come simbolo di stabilità”.

La Commissione ha dichiarato che circa 30 progetti sono stati prodotti internamente e che dieci di loro sono stati presentati al pubblico per la valutazione. Da questo sondaggio, ne sono rimasti in gara due. Tra questi due è stato scelto il simbolo definitivo dal presidente della Commissione, Jacques Santer, e dal Commissario europeo Yves-Thibault de Silguy. Così nasce il simbolo € che tutti conosciamo, presentato nel 1997.

Il vecchio progetto nel cassetto di Eisenmenger ha prevalso su quelli di nuova ideazione.

“E’ stata una squadra di quattro persone”, risponde Jean-Pierre Malivoir che ha organizzato il concorso in quel momento – “Non si può dire chi è il progettista: non esiste una sola persona, è stata una squadra…”

Immaginate la scena: Arthur Eisenmenger, pensionato, seduto in poltrona davanti alla televisione, sta guardando il telegiornale come ogni sera. A un tratto vede apparire sullo schermo il simbolo dell’Euro per la prima volta, identico a quello che lui ha disegnato 20 anni prima, e allora si alza in piedi esclamando “Mein E!” (la mia E!).

Alla luce dei fatti, si può considerare Arthur Eisenmenger il padre del simbolo dell’euro, considerato che non si parlava ancora di moneta unica e che il suo segno grafico era destinato a rappresentare l’Europa in genere? Per me sì.

A oggi Arthur Eisenmenger non ha ricevuto alcun riconoscimento ufficiale per la creazione del simbolo dell’euro. Fra le sue creazioni artistiche si ricordano la bandiera europea e il marchio CE.

Fonti: