La fortuna e il coraggio di fare della mia passione il mio lavoro.
Valentina D'Angelo

Tutto sulla Bacchetta Magica di Photoshop CC

2

Scopo di questo approfondimento è di riuscire a riconoscere al volo le situazioni in cui questo strumento ci può essere utile, e sfruttarlo al massimo delle sue possibilità.

Photoshop CC – Strumenti di Selezione: la Bacchetta Magica

La Bacchetta Magica Photoshop CC 2014 Strumento Bacchetta Magica è uno degli strumenti di selezione più vecchi di Photoshop. La sua particolarità è che anziché effettuare selezioni di pixel sulla base di forme (come fanno Selezione Rettangolare Photoshop CC 2014 Strumento Selezione Rettangolare, Selezione Ellittica Photoshop CC 2014 Strumento Selezione Ellittica, Selezione Colonna Photoshop CC 2014 Strumento Selezione Colonna, Selezione Riga Photoshop CC 2014 Strumento Selezione Riga, Lazo Photoshop CC 2014 Strumento Lazo, Lazo Poligonale Photoshop CC 2014 Strumento Lazo Poligonale) o basati sull’individuazione dei confini di un oggetto (Lazo Magnetico Photoshop CC 2014 Strumento Lazo Magnetico), questa seleziona pixel basandosi su tono e colore, permettendo di selezionare rapidamente aree di colore uniforme, come ad esempio un cielo terso, oppure le aree di un disegno colorato a tinte piatte fatto in Illustrator che vogliamo finalizzare in Photoshop.

Bacchetta Magica Photoshop CC 2014 nel Pannello Strumenti
fig. 1 – Posizione dello strumento Bacchetta Magica nel Pannello Strumenti di Photoshop CC 2014
Lo strumento si trova nascosto sotto lo Strumento Selezione Rapida. Per selezionarlo, tenere premuto su Strumento Selezione Rapida Photoshop CC 2014 Strumento Selezione Rapida finché non esce il pannello e poi selezionare lo Strumento Bacchetta Magica Photoshop CC 2014 Strumento Bacchetta Magica; oppure si può iterare tra i due strumenti premendo Shift+W.

Non appena selezionato lo strumento, in alto, nella barra delle opzioni troviamo da sinistra verso destra:

Barra delle Opzioni per lo Strumento Bacchetta Magica
fig. 2 – Barra delle Opzioni per lo strumento Bacchetta Magica di Photoshop CC 2014

  1. Selettore Strumenti Predefiniti
  2. Opzioni di Selezione
  3. Campione
  4. Tolleranza
  5. Anti-alias
  6. Contigui
  7. Campiona da tutti i livelli
  8. Migliora Bordo

Ora li vediamo nel dettaglio, ma non in questo ordine, quindi non stupitevi se salterò da un numero all’altro.

7. Campiona da tutti i livelli

Questa opzione è deselezionata di default sullo strumento (vedi fig. 2).
Quando è deselezionata, Photoshop prende in considerazione solo i pixel del livello sul quale stai lavorando che puoi vedere evidenziato nel Pannello Livelli (se il pannello è chiuso puoi aprirlo dal menu Finestra>Livelli o spingendo il tasto F7 sulla tastiera).
Quando l’opzione è selezionata, la selezione dei pixel avverà tenendo conto di tutti i livelli del file su cui stiamo lavorando.
Vediamo come esempio l’immagine qui sotto. Cerchio e quadrato si trovano su due livelli diversi. Attivando l’opzione Campiona da tutti i livelli, se clicco sul cerchio la bacchetta mi seleziona anche il quadrato che si trova sul livello sottostante.

Photoshop CC 2014 - Bacchetta Magica - Campiona da tutti i livelli
fig. 3 – Bacchetta Magica – Effetto dell’Opzione Campiona da tutti i livelli

Importante! Una volta selezionati, se volte copiare questi pixel, ricordatevi di usare il comando Modifica>Copia Elementi Uniti (Maiusc+Ctrl+C) perché se usate solo il Modifica>Copia classico (Ctrl+C) copierete i pixel del solo livello sul quale state lavorando.

2. Opzioni di Selezione

Queste 4 iconcine (vedi fig. 2) si presentano su diversi strumenti. Di default è selezionata la prima che si chiama Nuova Selezione. La seconda è Aggiungi alla Selezione, la terza è Sottrai dalla Selezione e la quarta è Interseca con la Selezione. Personalmente preferisco usare le loro scorciatoie da tastiera, ma il bello di Photoshop è che si può ottenere lo stesso risultato in vari modi, ed ognuno troverà il proprio:

  • Aggiungi alla Selezione: premere Shift mentre si clicca sulla parte che si vuole aggiungere
  • Sottrai dalla Selezione: premere Alt mentre si clicca sulla parte che si vuole sottrarre dalla selezione
  • Interseca con la Selezione: premere Alt+Shift mentre si clicca sulla parte che intersecando la prima isolerà la nostra selezione.

Attenzione! L’opzione di default Nuova Selezione significa che ogni volta che cliccate con la bacchetta sull’immagine generate una nuova selezione, facendo scomparire la precedente. Quindi se volete selezionare più aree ricordatevi di cliccare sull’icona Aggiungi alla Selezione oppure di premere Shift mentre usate la bacchetta.

Esercizio: Prendete un’immagine qualunque e bacchettate qua e là provando a cambiare le opzioni di selezione sul pannello delle opzioni. Sperimentate cosa accade quando si selezionano ognuna delle 4 iconcine. Smettete quando avrete capito bene come funzionano.

3. Campione

Il valore di default di questa opzione è “Punto Campione” (vedi fig. 2).
L’opzione Campione determina l’ampiezza dell’area da cui estrarre le informazioni sul colore.
Punto campione: estrae le informazioni sul colore dal singolo pixel su cui andremo a cliccare;
Media 3×3, Media 5×5, Media 11×11, Media 31×31, Media 51×51, Media 101×101: avvia dei calcoli sui pixel di aree quadrate della nostra immagine progressivamente più grandi.
Non si può generalizzare e consigliare un valore specifico per questa opzione perché, come la tolleranza, varia molto in base all’immagine di partenza e a cosa ci vogliamo fare.
Attenzione! Se cambiamo l’impostazione, questa verrà impostata anche per lo strumento Contagocce, infatti i due strumenti appaiono collegati dall’opzione campione, anche se non si sa bene perché (bug?).

6. Contigui

Questa opzione è selezionata di default sullo strumento (vedi fig. 2).
Serve a specificare alla Bacchetta di selezionare solo pixel che sono contigui, cioè confinanti.
Vediamo un esempio: proviamo ad usare la bacchetta magica sul quadratino rosso in alto a sinistra. Come ci aspettavamo il quadratino viene selezionato (fig. 4A).
Deselezioniamo (Menu Selezione>Deseleziona oppure Ctrl+D).
Ora deselezioniamo l’opzione Contigui sulla barra delle opzioni e richlicchiamo sul quadrato in alto a sinistra. Sorpresa! Tutti i quadrati rossi vengono selezionati: Photoshop cerca nell’immagine tutti i pixel simili a quelli sui quali abbiamo cliccato con la Bacchetta (fig. 4B).

Bacchetta Magica - Effetto dell'Opzione Contigui
fig. 4 – Bacchetta Magica – Effetto dell’Opzione Contigui

5. Anti-alias

Questa opzione è selezionata di default sullo strumento (vedi fig. 2).
I pixel hanno una forma quadrata: se ingrandiamo al massimo una foto in Photoshop, vedremo comparire tutti quadratini colorati, quelli sono i singoli pixel. La bacchetta magica seleziona i pixel, quindi a volte i bordi delle selezioni curve o diagonali possono apparire a scaletta. Photoshop usando l’Anti-aliasing prova a sfocare leggermente i pixel dei bordi in modo da attenuare la quadrettatura, rendendola più morbida.
In linea di massima questa opzione si può lasciare selezionata, a meno che non si voglia proprio selezionare in modo preciso solo determinati pixel.
Per capire cos’è l’anti-alias, osserva la figura qui sotto e confronta il triangolo A senza anti-alias con quello B con l’anti-alias. Hai notato che il lato obliquo del triangolo A appare seghettato? Invece, osservando l’ingrandimento del lato obliquo di B, si vede che sono stati aggiunti dei pixel di colore più tenue per rendere morbida la linea; questi pixel in più sono visibili solo se ingrandiamo l’immagine, perché alla misura originale quello che percepiamo è una linea morbida continua ed uniforme: questa è la magia dell’anti-alias.

Anti-alias su Photoshop
fig. 5 – Capire l’Anti-alias

4. Tolleranza

Questa opzione ha un valore di default di 32 (vedi fig. 2).
In questo campo possiamo immettere un valore in pixel che va da 0 a 255. Determina l’intervallo di colori dei pixel selezionati. Un valore basso seleziona pochi colori molto simili a quello del pixel sul quale hai cliccato. Un valore più elevato seleziona una più ampia gamma di colori.

Facciamo una prova per capire. Con lo Strumento Fusione di Illustrator ho creato 255 rettangoli con colore che va gradualmente dal nero a sinistra, al bianco a destra (fig. 6). In pratica si tratta di un gradiente dal nero al bianco di 255 passi.

255passiGrigio

fig. 6 – gradiente di 255 rettangoli per passare dal nero al bianco
Per fare questa prova dobbiamo deselezionare l’opzione Contigui perché i rettangoli della mia immagine non sono adiacenti, ma separati da un piccolo spazio bianco.
Immettiamo come valore Tolleranza 0 e clicchiamo su uno dei rettangoli centrali; come ci aspettavamo, viene selezionato solo il rettangolo sul quale abbiamo cliccato. Ora deselezioniamo (Menu Selezione>Deseleziona oppure Ctrl+D).
Aumentiamo il valore della Tolleranza a 3 e riclicchiamo su un rettangolo della zona centrale (fig.7). Quanti rettangoli vengono selezionati stavolta? Oltre a quello su cui abbiamo cliccato, verranno selezionati 3 rettangoli a sinistra (-3) e 3 rettangoli a destra (+3).

Photoshop Bacchetta Magica Tolleranza 3
fig. 7 – ingrandimento – selezione da bacchetta magica con opzione tolleranza=3

Facile prevedere cosa accade se aumentiamo il valore della Tolleranza a 12 (fig. 8).

Photoshop Bacchetta Magica Tolleranza 12
fig. 8 – ingrandimento – selezione da bacchetta magica con opzione tolleranza=12

Insomma questa tolleranza è proprio precisa, nel senso più matematico del termine!

1. Selettore Strumenti Predefiniti

Cliccando sul triangolino alla destra dell’icona della bacchetta, si apre il Selettore Strumenti Predefiniti (vedi fig. 2). Questo pannellino ci permette di salvare con nome le nostre impostazioni personalizzate della bacchetta per poterle richiamare all’occorrenza in maniera rapida e precisa. Faccio un esempio: imposto la mia bacchetta in modo che selezioni solo i pixel di un determinato colore nella mia immagine (tolleranza=0, contigui: deselezionato). Una volta scelte le opzioni, apro il Selettore Strumenti Predefiniti e clicco sul pulsante indicato in figura 9:
Selettore Strumenti Predefiniti
fig. 9 – Selettore Strumenti Predefiniti

Si apre un pannellino dove scrivo “AcchiappaColore” e clicco su OK. Ora nel Selettore Strumenti Predefiniti è apparsa la voce AcchiappaColore (fig. 10) che potremo richiamare tutte le volte che ne ho bisogno.

Creazione di uno Strumento Predefinito
fig. 10 – Selettore Strumenti Predefiniti con AcchiappaColore

8. Migliora Bordo

Questo pulsante (vedi fig. 2) si usa una volta che è stata fatta la selezione, e apre il pannello Migliora Bordo che serve per applicare piccole modifiche alla selezione allo scopo di migliorarla.

Concludendo: sì alla bacchetta magica per…

  • Larghe campiture di colore uniforme (ad esempio un cielo azzurro)
  • Contrasto elevato (ad esempio un fiore rosso su fondale verde)
  • Tinte solide (ad esempio un’illustrazione creata con Illustrator e finalizzata in Photoshop)

 

About Author

Valentina D'Angelo

Lavora nella grafica professionale dal 2000. Freelance per vocazione, appassionata di comunicazione visiva, di segni e immagini parlanti. Innamorata di tutto quello che è nuovo e che è ancora da conoscere. "Su un'isola deserta mi porterei... gli occhi. Forse anche uno smartphone."

2 commenti

  1. Buongiorno, mi chiamo Hans Visser (olandese) e abito a Levanto (SP).
    Sto sperimentando un po’ con Illustrator x iMac. Ho importato un cartello stradale in tiff, perché volevo tirar
    fuori l’operaio (cartello stradale: “lavori in corso”) con la bacchetta magica, che è facilissimo con Photoshop, ma con Illustrator non “attaccava”. Ho anche tentato di rasterizzare l’immagine.
    Mi potrebbe spiegare per favore come si fa?
    Grazie e mi scuso per far perdere qualche minuto del suo tempo libero.
    Cordiali saluti, Hans –

    • Ciao Hans, scusami per il ritardo nella risposta, la tua richiesta si era mimetizzata tra tanto spamming. Spero che nel frattempo tu abbia risolto! In un caso del genere, lo strumento che devi usare in Illustrator è il “Ricalco immagine” (Trace in inglese), provando i vari tipi di ricalco che hai a disposizione finché non ottieni il risultato voluto, o in genere quello che si avvicina di più al risultato voluto, poi c’è quasi sempre da sistemare a mano, correggendo qualche punto. La bacchetta magica in Illustrator ha una funzione di selezione su elementi vettoriali e l’immagine tiff non lo è perché raster, fatta di pixel.
      In Illustrator, con l’immagine selezionata, puoi trovare lo strumento Ricalco in alto, tra le opzioni della barra pannello di Controllo, subito sotto al menu principale. Ciao e buon lavoro