Il vero mistero del mondo è il visibile, non l’invisibile.
Oscar Wilde

Pantone svela il colore dell’anno per il 2017: il verde Greenery

0

Pantone ha annunciato il colore dell’anno per il 2017: il Greenery, un verde tendente al giallo. La scelta è caduta su un colore che simboleggia la speranza, il desiderio di rimanere in contatto con la natura, la ricerca della pace e dell’armonia, di cui sentiamo tanto il bisogno.

A partire dal 2000, ogni anno Pantone propone un “colore dell’anno”. I colori dello scorso anno – il rosa Quartz e il blu Serenity – li abbiamo visti ovunque, nella grafica, nella comunicazione, nel design, nell’arredamento… sarà così anche per il Greenery? Io dico di sì, per due ragioni.
Anzitutto per l’impatto del marketing di Pantone e per la sua capacità di influenzare il trend dei colori: ogni anno questa influenza aumenta, supportata sia dalla mancanza di concorrenti, sia da meriti reali perché Pantone fornisce tantissimi contributi di valore sul colore, arricchendo la rete di spunti e idee che ispirano i creativi. Il corrispettivo europeo dell’americana Pantone sarebbero i colori RAL, ma siamo lontani anni luce dalla vision di Pantone.

La seconda ragione è che il verde è un colore molto versatile e facile da abbinare. Il 2017 sarà dipinto di un colore positivo, rilassante e rigenerante, che fa pensare alla vita, alla rinascita ed è trasversale perché si presta ai più svariati utilizzi e contesti.

Per aiutarci ad utilizzarlo al meglio, Pantone ha arricchito il suo annuncio con una interessante serie di schemi di colore che possono essere usati proprio per esaltare il Greenery. Disponibile anche un file .ase per caricare le palette di colori nei software di Adobe CC. Attenzione però perché i Pantoni specificati nelle palette sono quelli del sistema dei tessili, quindi dovete convertirli in CMYK oppure trovare il Pantone grafico corrispondente. Per poter avere gli abbinamenti di colore a portata di mano, ho riassunto le palette in un PDF Pantone Greenery – Colore dell’anno 2017, così da poterlo usare come riferimento. Se vuoi puoi scaricarlo da qui.

Greenery - Pantone Color of the Year 2017
fig. 1 – Palette per il Greenery suggerite da Pantone

Per i maniaci del Verde

Per approfondire l’argomento “colore verde”, vi segnalo un libro, un film e un quadro. Il libro è “Verde. Storia di un colore” un saggio dell’antropologo francese Michel Pastoureau che racconta la storia del colore verde nella cultura occidentale, dall’antichità ad oggi. Il film è “La foresta dei pugnali volanti” di Zhang Yimou, nel quale ci sono varie scene di verde molte suggestive, con abbinamenti cromatici di analoghi, complementari e contrasti caldo/freddo. Il quadro è Il Sogno di Henri Rousseau che è una composizione di analoghi, con qualche accento di complementari.

La foresta dei pugnali volanti
fig. 2 – Un fotogramma del film La Foresta dei Pugnali Volanti
Il Sogno Henri Rousseau
fig. 3 – Il Sogno, Henri Rosseau, 1910

Proverò ad usarlo così…

Chiudo con l’idea di associare il Greenery ad un altro colore per un trattamento duotone delle immagini che ultimamente si vede spesso in giro per la rete; il risultato è giovanile e contemporaneo, e il duotone è utile anche per coprire qualche difettuccio di una foto che non è riuscita proprio benissimo.

E voi come lo userete?

Se realizzate progetti con il Greenery, scrivetelo qui nei commenti che ho già pronta una bacheca su Pinterest da riempire di belle immagini!

Iscriviti alla newsletter di Dangeloweb

Se ti interessano i contenuti del sito, non dimenticare di iscriverti alla mia newsletter. Niente spamming, solo una mail ogni tanto per avvisarti su cosa c’è di nuovo qui a Dangeloweb.

Il tuo nome*

La tua email*

*I campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori.
Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati. I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003.

About Author

Valentina D'Angelo

Lavora nella grafica dal 2000. Oggi è una freelance. Appassionata di comunicazione visiva, di segni e immagini parlanti. Innamorata di tutto quello che è nuovo e che è ancora da conoscere.

Leave A Reply