La fortuna e il coraggio di fare della mia passione il mio lavoro.
Valentina D'Angelo

Accessori per la grafica: la tavoletta grafica Wacom Intuos Art

0

Lo scorso Natale mi sono regalata la Wacom Intuos Art e ora che la uso da qualche mese, voglio condividere queste riflessioni sull’acquisto di uno degli accessori più utili che ho provato negli ultimi anni: la ricomprerei 1000 volte.

Lavorare sul portatile mi ha sempre dato problemi, perché il touchpad è piccolo, mi fa venire i crampi alla mano, e il puntatore è ingovernabile. Perché non usare un mouse wireless? Fatto, ma provate a disegnare con un mouse… davvero ci riuscite? Secondo me se Dante fosse stato un autore contemporaneo, avrebbe aggiunto un girone al suo inferno dove, per tutto il giorno, ti fanno scontornare foto col mouse… una vera tortura!

La tavoletta grafica è l’unica soluzione. Puoi disegnare, dipingere, fare photo editing, lavorare grossolanamente o di fino, insomma ci si può fare proprio tutto quello che serve ad un graphic designer, dalla grafica raster a quella vettoriale. Ne volevo una che avesse un costo contenuto e anche delle dimensioni ridotte per poterla portare con me e accompagnarla sempre all’uso del portatile. La scelta non è stata difficile, perché quando si parla di tavolette grafiche si parla di Wacom. Trovata subito: Wacom Intuos Art!

Questa tavolettina è un vero bijoux, leggera e maneggevole, ha una geniale custodia per la penna incorporata nella tavoletta, così non c’è il rischio di perderla o di dimenticarla da qualche parte. Esiste in due versioni: Small e Medium. La Small ha un’area sensibile di 152 x 95 mm, la Medium di 216 x 135 mm. Io ho acquistato la Small proprio perché cercavo qualcosa di facile da trasportare.



La penna (senza cavi né batterie) è sensibile alla pressione, è dotata di 2 pulsanti, e bisogna un po’ fare attenzione a non schiacciarli per sbaglio e questo è l’unico difetto che ho trovato in questo accessorio. Sulla tavoletta sono presenti altri 4 pulsanti, tutti personalizzabili, anche in maniera avanzata, come potete vedere dal video qui sotto che è una guida alla personalizzazione. Lo schermo è touch, quindi si può eventualmente usare come un touchpad più grande, basta attivare un interruttore. Sul retro, levando un coperchio, si trova un vano contenente delle punte di ricambio e le slot per il wireless. Insieme alla tavoletta c’è Corel Painter Essentials 5, programma che si usa per la pittura digitale e il disegno.
A parte viene venduto un kit accessori wireless per rendere la tavoletta senza fili, ma io non ne ho sentito la necessità.

Wacom su come personalizzare la tavoletta

Phlearn spiega come usare la tavoletta con Photoshop

Oltre alla versione Wacom Art, ci sono altre versioni: la Photo, la Draw, la Comic e la 3D, ognuna rivolta a un settore specifico, ma sostanzialmente la differenza la fa la presenza o meno del touch e il software che ti regalano.

Un consiglio personale: soprattutto in estate è bene usare un guantino per artisti perché altrimenti vi si appiccica la mano sulla tavoletta e non è piacevole!

Intuos Wacom Art si è rivelata un acquisto proprio ben fatto, con circa 100 euro mi sono portata a casa un accessorio che è presto diventato indispensabile! In questi 4 mesi l’ho usata praticamente per tutto. La consiglio vivamente a tutti i colleghi che fanno grafica e anche agli artisti digitali.

Articolo interessante? Iscriviti alla newsletter di Dangeloweb

Se ti interessano i contenuti del sito, non dimenticare di iscriverti alla mia newsletter. Niente spamming, solo una mail ogni tanto per avvisarti su cosa c’è di nuovo qui a Dangeloweb.

Il tuo nome*

La tua email*

*I campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori.
Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati. I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003.

About Author

Valentina D'Angelo

Lavora nella grafica professionale dal 2000. Freelance per vocazione, appassionata di comunicazione visiva, di segni e immagini parlanti. Innamorata di tutto quello che è nuovo e che è ancora da conoscere. "Su un'isola deserta mi porterei... gli occhi. Forse anche uno smartphone."

Leave A Reply